Tutti gli articoli:
sagi rei 001

Una delle voci emergenti del panorama musicale Italiano ed internazionale, Sagi Rei, è stato ospite della seconda serata de La Domenica Italiana, targata Lido Sabbiadoro.  Lo abbiamo incontrato nel backstage, qualche minuto prima dell’inizio del concerto. Ci ha parlato dei sui progetti e abbiamo cercato di conoscerlo un pò più da vicino per gli amici di Sabbiadoro. Nonostante le sue origini israeliane, parla perfettamente l’italiano. Un vulcano di idee  che ci ha raccontato il suo desiderio di scrivere dei pezzi inediti e non più solo cover e reinterpretazioni dei successi altrui.

 

-          ISRAELIANO DI NASCITA MA PUGLIESE DI ADOZIONE. IL TUO STILE PIACE E PIACE SOPRATTUTTO AI PUGLIESI. SEI RICHIESTISSIMO DA QUESTE PARTI.

Si, son venuto diverse volte in questa regione. C’è un bel pubblico che mi acclama, che mi vuole e  ritorno sempre molto volentieri e con grande piacere

 

-          DA PEOPLE ON THE BEAT PER FARGETTA, NE HAI FATTA MOLTISSIMA DI STRADA, CON EMOTIONAL SONGS 1 E 2

Ho avuto l’opportunità di fare tante cose. La collaborazione con Dj Fargetta. Il primo album da solista Emotional songs  1 e poi Emotional Songs 2. Per non parlare del progetto della dance acustica.  Sono sempre in movimento. Mi considero una persona molto viva e attiva e non amo stare fermo. Mi piace il bello.

 

-          OGGI SEI IMPEGNATO CON IL TUO ULTIMO LAVORO DEDICATO AL RE DEL POP MICHAEL JACKSON. CHE E’ ANCHE IL TUO PRIMO LAVORO PER LA UNIVERSAL

Un omaggio importante per un’artista che ha lasciato il segno ed è indimenticabile. Propongo i suoi pezzi dal vivo durante i concerti in onore di un artista che è stato grandioso e continua a fare sognare anche oggi milioni di generazioni

 

-          LO STILE SAGI E’ INCONFONDIBILE E PIACE MOLTO. IN CHE MODO SCEGLI I BRANI DA REINVENTARE IN CHIAVE ACUSTICA. CHE COSA CARATTERIZZA LA TUA INTERPRETAZIONE?

Seguo vari criteri. Senza dubbio prediligo brani che mi dicono qualcosa e che si caratterizzano per una melodia molto forte. Nell’album di Michael Jackson, per esempio,  ho scelto dei brani che in qualche modo mi rappresentavano e mi hanno permesso di identificarmi. Avevano una melodia più vicina al mio stile. In questo modo è stata più facile e immediata la reinterpretazione  e la fusione dei due mondi.

 

-          AL GRANDE PUBBLICO, QUELLO DELLA TV ARRIVI CON “I’ll FLY WITH U” -  COLONNA SONORA DI INTIMISSIMI CHE TI HA CONSACRATO NEL PANORAMA DEI BIG MUSICALI.

La sincronizzazione del pezzo è stato un momento importante per il mio vernir fuori come artista.

“L’Amour Toujours” che tutti ormai conoscono come  “I’ll fly with you” è diventata dopo quello spot un successo planetario. Molte persone non conoscevano la canzone originale e pensavano fosse mia. Mi ha dato moltissimo.

 

-          LA CANZONE CHE HAI RE INTERPRETATO E CHE TI È RIMASTA NEL CUORE

The Lady my life” . Una canzone dell’album Thriller,di Michael Jackson non è tra i prezzi più famosi. Su questa canzone però ho molti ricordi, ricordi molto belli da quando ero bambino e ci sono molto legato. Per questo ho pensato subito di volerla interpretare.

 

-          LE PRINCIPALI TAPPE DELLA TUA TOURNEE

Ho un tour estivo che è già partito con varie tappe sia in Italia che all’estero. Sto lavorando su un nuovo progetto un nuovo album, in cui mi cimenterò non solo su cover, ma anche su pezzi inediti scritti da me. C’è voglia di proporre qualcosa di nuovo che venga da me. E non vedo l’ora era da tanto tempo che desideravo farlo. E poi quest’anno ho collaborato con Mario Biondi, ho duettato con lui per un pezzo che uscirà nel suo album. Ho scritto anche con Umberto Smaila la colonna sonora del film di Abatantuono che uscirà in tv a settembre in due puntate.

 

 

 

Intervista di Manuela Lenoci press@effetticollaterali.info Fonte www.lidosabbidoro.net