Idee innovative per il rilancio della Puglia che lavora

In Fiera del Levante la seconda edizione del Salone delle Imprese Creative

“Sulla innovazione e  le idee creative di business si gioca la partita della Puglia che lavora”. Guglielmo Minervini assessore alle politiche giovanili l’ha sostenuto a gran voce nello corso della conferenza stampa di presentazione della II edizione del Salone delle Imprese Creative nello spazio The Hub della Fiera del Levante. “In tempi di crisi -  ha detto  -  emergono le menti creative. Con Principi Attivi si riescono ad intercettare giovani con voglia di fare, capaci di mettere in gioco risorse, competenze ed esperienze professionali per sviluppare proposte innovative destinate ad aver successo. Elemento chiave di questo fenomeno, la condivisione e la messa in rete delle informazioni”.

 

Una 77esima edizione,  che punta alla innovazione come ha sottolineato Leonardo Volpicella, direttore generale della Fiera. “La web tv della Fiera del Levante, l’approdo sui social network e la App gratuita da scaricare, ci hanno permesso di comunicare con lo stesso linguaggio della gente comune. Informazioni in tempo reale e alla portata di tutti”. Geniale pertanto l’intuizione di Giusy Ottonelli, fondatrice The Hub Bari,  che è riuscita a portare a Bari per la prima volta il concetto di condivisione dello spazio di lavoro.

 

“Centotrenta le adesioni solo nel primo anno di vita -  ha detto – facciamo parte di una rete internazionale di bellissimi spazi fisici dove imprenditori, creativi e professionisti possono fare coworking, accedere a risorse, lasciarsi ispirare dal lavoro di altri, avere idee innovative, sviluppare relazioni utili e individuare opportunità di mercato”.Il progetto  è promosso dalla Fiera del Levante, con il supporto della Regione Puglia- Bollenti Spiriti, Camera di Commercio -  Valore Assoluto, Istituto Agronomico Mediterraneo Bari e organizzato in collaborazione con Qiris e The Hub.

 

Sul concetto di rete lavora anche la Camera di Commercio di Bari e IAMB il cui presidente Alessandro Ambrosi pensa di creare una scuola di impresa  per l’accompagnamento e la formazione nello sviluppo delle start up. “Valoreassoluto è ad oggi l’iniziativa -  ha detto – che supporta le giovani idee imprenditoriali innovative nella fase più critica della vita di un’impresa, quella dell’avvio”.Progetti che affiancano e sostengono chi ha capacità imprenditoriali.Sono sempre di più, infatti, i giovani che decidono di investire su se stessi. “ Valoreassoluto -  ha detto Cosimo Lacirignola  presidente Iamb -  deve essere il valore aggiunto delle idee imprenditoriali  e rendere gli innovatori, i veri protagonisti del cambiamento”.

 

“Trentacinque idee di start up  sono diventate vere e proprio realtà imprenditoriali – ha raccontato Nicholas Caporusso di Qris – alcune delle quali con un forte valore sociale e con un beneficio economico, sono riuscite a raccogliere fondi per un valore di cinquecento mila euro per l’autoimprenditorialità.”.

 

 

                        
Ufficio Stampa | EffettiCollaterali Agenzia
press@effetticollaterali.info | www.effetticollaterali.info